Home  | Info | Regolamento | Area Stampa | Contatti | Archivio  
............

............
............
............
............
 
     
 
 

Incoming






 

 



PALATO RAFFINATO

Palato Raffinato. eretica

Nel 3°millennio ci sono donne che non hanno il diritto di mantenere la propria storia, la propria religione, la propria lingua. Non hanno accesso all’istruzione, non sanno cosa sia la libertà di scelta e non conoscono concetti come comprensione, dignità e rispetto. Milioni di loro continuano ad essere calpestate, negate, oppresse e non hanno grandi possibilità di essere e di crescere. Dare spazio al punto di vista delle donne è importante per mostrare modalità e strumenti differenti su quello che accade ogni giorno intorno a noi, partendo da un punto di comprensione capace di arricchire con chiavi di lettura supportate da altri schemi, come può essere il cinema. La guerra, i disastri e le tensioni sociali, le complessità relazionali visti attraverso gli sguardi delle donne, sono il modo più efficace per aiutare a riflettere sull’umano e sulla condizione femminile in ogni paese del mondo, ma sono anche un mezzo di lavoro concreto per il superamento di logiche che ancora oggi impediscono una vera equità tra i sessi. Tutto questo è il tema della sezione legata all’eresia, rassegna non competitiva di medio/ lungometraggi, provocatori rispetto ai contenuti generali. Film – percorso per dare voce, volto e senso a storie femminili sparse nel mondo. Monforte d’Alba, sede del Circolo promotore del festival è uno dei luoghi di nascita dell’eresia catara, La Contessa Berta, nome del Circolo, è la feudataria bruciata al rogo in seguito alla sua appartenenza al catarismo. I film, selezionati con particolare attenzione, evidenziano gli aspetti eretici per eccellenza: scelte “arbitrarie” estetiche, di contenuto, di forma, in cui il femminile mantiene una parte di primo piano, attraverso un mezzo mai come in questi casi, eretico: lo sguardo. Considerando in questa sezione anche i quarant’anni del 68 e quanto contributo e lotte vi portarono le donne.

Questa sezione è collegata alla 2° edizione del Premio LA CONTESSA BERTA 2008, che trae spunto dal provocatorio antico grido cataro Puslen cremar que renonciar (Meglio bruciare che rinunciare) e alla mostra "Convivéncia d’Occitania: Simone Weil, pensieri filosofici dedicati all’Occitania", in collaborazione con Chambra d’òc.

Le proiezioni avverranno nel Teatro Comunale di Monforte d’Alba.

L’eresia
La parola “eresia” deriva dal greco αιρεσις, hairesis (da αιρεομαι, haireomai, "scegliere") e significa sia una scelta di credo che una fazione di credenti dissidenti. Nel registro informale, il termine viene usato per indicare un’ opinione gravemente errata o discordante dalla tesi più accreditata su un determinato argomento. Da un punto di vista storico non va dimenticato che l’eresia non si presenta mai come un fatto solamente ed unicamente religioso ma ha sempre varie e profonde implicazioni politiche, sociali ed economiche, che la condizionano e persino ne determinano la fisionomia, la durata nel tempo e l’esistenza stessa. Il significato etimologico della parola eresia ci porta ad un concetto fondamentale nella vita di un essere pensante: "Scelta", possibilità, cioè, di compiere una selezione fra tutte le tesi, le concezioni, le esperienze che nel corso della nostra vita entrano nella nostra conoscenza; un modo di leggere la pratica, rispetto all’ortodossia imperante. La facoltà di scelta è patrimonio di tutti gli essere viventi, che scelgono per istinto, condizionamento, ragionamento.

NEWS
09/02
15/11 APPUNTI DI VIAGGIO: La degustazione
15/11 APPUNTI DI VIAGGIO: Il concerto
15/11 APPUNTI DI VIAGGIO: La proiezione
15/11 APPUNTI DI VIAGGIO: Le anime dell'acqua
Tutte le news...
 
 
 


Consorzio Turistico

Langhe Monferrato Roero

 



 

 

 
     
 

 
Barolo Castiglione Faletto La Morra Monforte d'Alba Serralunga d'Alba

FOOD IN FILM FESTIVAL
FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE LANGHE
Palazzo Comunale, Via della Chiesa 1 - 12065 Monforte D’Alba (CN)
Tel +39 0173 78137 , Fax +39 0173 78137
 info@foodinfilmfestival.it

Numero di visite: 1170