| Info | Regolamento | Area Stampa | Contatti | Archivio  
............

............
............
............
............
 
     
 
 

Incoming






 

 

PROLOGO ERETICO

GLI EVENTI SPECIALI

 

PROLOGO ERETICO. LE BALADIN, TEO MUSSO E LE BIRRE DA DIVANO

“Sono un provocatore, rifiuto alcune convenzioni legate alla cultura del gusto e con la mia birra voglio creare paradossi. Io stesso lo sono: per la scuola italiana sono un ignorante, ma nonostante ciò mi chiamano spesso a insegnare, a tenere corsi anche all’università.” E’ con questo spirito e con la sua ineguagliabile tenacia che Teo Musso dà vita nel 1986 al “Baladin” un locale dove la fanno da padroni la buona musica e l’ottima birra (non qualunque, ma una selezione delle migliori birre del mondo). Sempre fedele a questo connubio, musica/birra di alta qualità, e cavalcando il motto “Gusto in evoluzione”, dieci anni dopo, nasce la prima birra baladin, la “Super”, tipica birra d’abbazia, frutto della scuola belga seguita da sempre da Teo. A questa seguono altre birre e altrettanti progetti che Teo Musso porta avanti con successo grazie in nome dei suoi tre grandi sogni

  • LA BIRRA : definito un alchimista del grano, Teo a tutt’oggi produce 6 birre in bottiglia (SUPER, ISAAC, NORA, WAYAN, NOEL, ELIXIR), 5 birre in fusti (PILS, AMBRATA, BRUNE, SPECIALE, NORA) e 1 SIDRO (in collaborazione con la CIDRERIE DE SAVOIE) tutte sotto il marchio baladin. 3 birre con il marchio Teo Musso: la XYAUYU (…il gusto in assoluto più in evoluzione…), la LURISIA SEI e la LURISIA DIECI (in collaborazione con le fonti Lurisia). Ed infine un bicchiere, TEKU, studiato da Teo e Kuaska (più alto intenditore italiano di birre italiane e dal mondo),studiato allo scopo di esaltare ogni più piccolo particolare delle birre, sia esso negativo che positivo.

  • LA MUSICA: i concerti del mercoledì sera del baladin, il festival “Musica & Dintorni” ormai giunto alla sua ventunesima edizione e la scuola di musica “Scala del Re”, tutto nato in seno all’Associazione Culturale Baladin concepita da Teo e da alcuni “compari” con l’unico scopo di promuovere la cultura nel suo concetto più ampio

  • LA VOGLIA DI STARE CON LA GENTE IN ARMONIA: per questo esiste il Baladin e per questo ben presto si realizzeranno altri sogni meravigliosi………la Casa Baladin “KAOHINAMI”, in hawaiano significa “raccoglitore di cose belle”, ed è proprio questa l’essenza del nuovo micromondo che sta creando Teo affinché le persone che vi giungano possano trarre dalle cose belle che trovano altre cose belle da lasciare, in modo da rimpinzare continuamente la Kaohinami di Teo!

 

BENI ALTMULLER E LA LANGA

EVENTO SPECIALE FUORI CONCORSO anteprima mondiale

BENI ALTMÜLLER Johanna Tschautscher, Austria 2007, 62’

GOLDEN GIRLS FILMPRODUKTION Languages: German/Italian Italian Subtitles

Ritratto del pittore, architetto e designer austriaco BENI ALTMÜLLER. Il suo percorso creativo ha inizio nei primi anni 70 con metallo plastica, involucri corporei, architettura e designer. Negli anni 90 comincia ad occuparsi del vino e il Piemonte diventa il suo nuovo luogo di lavoro. Il film mostra una parte della sua opera in quel periodo ed esplora la dimensione filosofica dei suoi soggetti attuali: il cambiamento, lo spazio aperto. La qualità artistica, come la qualità nel vino e nel gusto, è una dimensione di questo film, dato il rapporto di “scambio” tra componenti corporali, fisiche, e relazioni umane in genere.

Johanna Tschautscher. Nasce nel 1968, si diploma in Recitazione nel 1992 a Vienna, studia Philosophy and Literature all’ University di Vienna, scrive alcuni lavori teatrali, frequenta diversi Workshops di recitazione a Berlino e a Parigi, lavora per il “wiener taschenoper” una free opera di gruppo con diverse mansioni: asistenza alla Direzione, assistenza alla Produzione, scrittrice, assistente tecnica, alle luci, al suono, e comincia a lavorare come attrice nel 1991. Nel 1993 scrive, produce e dirige il suo primo dramma teatrale a Vienna, ma interrompe la sua carriera per la nascita del suo primo figlio. Incoraggiata da parecchi critici, incomincia un periodo di scrittura intensiva. Nel 2000 il dramma The Mother That Does Not Exist è presentato a Vienna. Dopo il romanzo The Garden in the Dessert , si concentra sui film a soggetto e va in Sicilia per alcune ricerche e scrive il romanzo e la sceneggiatura di The Seven Raves. Nel 2002 entra a far parte di Sources in Finlandia per documentaristi e lavora al documentario Nobody Mingled With Nothingness: Identity and Organized Crime, che finisce nel 2004. Tra il 2004 e il 2007 dirige parecchi altri film: nel 2005 Franco Accursio Gulino, Serbia Report, Rumania Hope, Adalbert Stifler; nel 2006: Beni Altmüller, Quanti soggetti tu sei ? Attualmente le opere in circolazione sono il romanzo Jeanne d’Arc sul terrorismo, il ritratto biografico dell’artista austriaco/tedesco Heinz Baummüller, e un documentario cinematografico di 90 minuti sui Clandestini, illegali in fuga dall’Africa in Europa.

 

INCONTRO D’ANTICHE ERESIE

Tavola Rotonda

Puslen cremar que renunciar. Meglio bruciare che rinunciare (antico detto cataro)

Con Ines Cavalcanti, Maurizio Rosso (autore, tra l’altro, del romanzo Il Castello dei Catari) , Paolo Secco, Maria Soresina (scrittrice, sostenitrice del Dante cataro) . Coordina Donata Inglese

In collaborazione con Chambra d’Oc Valadas Occitanas

Finalmente Monforte d’Alba e i paesi occitani si incontrano. Accomunati da un passato di eresia e condanna, non avevano, sino ad ora, trovato il modo e il tempo di trovarsi. Il nome di Monforte ricorre spesso tra tutti coloro che si interessano di eresia. La studiosa francese Anne Brenon afferma che i primi roghi in Europa furono accesi per gli eretici di Orleans e di Monforte d’Alba. La nostra amica Ines Cavalcanti, a proposito di eresie, dice che tutti parlano di Monforte, ma i monfortesi non compaiono mai. Nel testo L’Histoire des Cathares l’autore, Jean Duvernoy, afferma che rispetto al suo diffondersi nella Francia Meridionale, l’eresia catara era comparsa con molti anni di anticipo a Monforte, che definisce una località disparuedesormais desparu du diocèse d’Asti. Monforte, però, non è scomparsa, non ha dimenticato il suo passato ( ci sono state rievocazioni storiche che hanno coinvolto tutto il paese e due spettacoli nell’auditorium Horszowski) e ora, grazie all’azione di pubbliche relazioni della scrittrice Maria Soresina e alla vitalità di una donna come Ines Cavalcanti inizia questo percorso di avvicinamento tra antichi eretici

L’idea prende avvio dalla pubblicazione del libro “Menú d’0ccitania”, che presenta 18 donne celebri della storia occitana, a ciascuna delle quali viene dedicato un originale menú pan occitano, con piatti che spaziano dalle Alpi ai Pirenei. La pubblicazione, che presenta la lingua, la storia e la cultura dell’Occitania in uno spazio europeo contemporaneo sottolineandone la vitalità e le potenzialità che ne possono emergere in una proposta turistica di qualità e di ampio respiro, è scritta a due mani da Andrée Bertino e Fredo Valla, si presenta in quattro lingue: occitano, italiano, francese e inglese ed è una creazione artistica di Marie Voillat di Tolosa. Mentre in campi quale quello della musica, delle danze o della lingua c’è stato un lavoro importante di proposta pan occitana, per quanto riguarda la cucina questo è la prima iniziativa che metta insieme ricette tipiche di tutta l’Occitania, dalle ostriche di Arachon all’agnello sambucano, dalla frittata ai tartufi del Perigord alla zuppa di pesce alla marsigliese.

 

Percorso cinematografico

LE STRADE DELL’OCCITANIA Matteo Bellizzi, Italia 10’ Aisone. Stefilm

VOUTZ E MORRES D’OCCITANIA Paolo Ansaldi, Italia 2007, 10’

THE BURNING TIMES/ I TEMPI DEI ROGHI Donna Read, Canada 1990, 55’ v.o. sott.

 

Mostra

FREMAS D’OCCITAN. Ritratti e ricette di 18 donne occitane. Dipinti di 18 celebri donne d’Occitania realizzati della pittrice Marie Voillat.

 

Consegna del Premio LA CONTESSA BERTA (1° edizione). La giornalista Mariarita Macchiavelli consegnerà il premio ad una donna che abbia realizzato il proprio sogno o contribuito a realizzare quello di altre donne

 

Il Camper Viaggiante

Il camper viaggiante “ÒC, Libri in viaggio”, guidato da Roberto Berretta, è un progetto di animazione territoriale ideato dalla Chambra d’òc in collaborazione con Fusta Editore di Saluzzo e propone un’animazione culturale e un servizio informativo dedicati alla lingua e alla cultura occitana, alla cultura locale, al catarismo e alla spiritualità. L’idea forte è quella di portare direttamente la cultura occitana e locale nei territori che desiderano offrire alla popolazione e ai turisti un’occasione di incontro con un’editoria che troppo poco gode di visibilità nelle librerie e nei mass media.

NEWS
28/11 CIMAMERICHE 2007 AL VIA!!
12/11 ENZO BIAGI E IL POTERE DELLA LIBERTA’
26/09 GLORIE DEL FOOD IN FILM FESTIVAL 2
31/07 IL CINEMA DEI GRANDI BERGMAN E ANTONIONI
20/07 GLORIE DEL FOOD IN FILM FESTIVAL
Tutte le news...
 
 
 


Consorzio Turistico

Langhe Monferrato Roero

 



 

 

 
     
 

 
Barolo Castiglione Faletto La Morra Monforte d'Alba Serralunga d'Alba

FOOD IN FILM FESTIVAL
FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE LANGHE
Palazzo Comunale, Via della Chiesa 1 - 12065 Monforte D’Alba (CN)
Tel +39 0173 78137 , Fax +39 0173 78137
 info@foodinfilmfestival.it

Numero di visite: 4037